Senza categoria

L’Orto di Giovanni Caputo e la Biodiversità Cilentana

Ciboprossimo

Per entrare nell’orto di Giovanni Caputo a Castel Ruggero di Torre Orsaia dovete passare sotto quegli ulivi secolari e quando arrivate in fondo, vedrete alberi a destra e a sinistra: anzi vi renderete conto che anche gli ulivi sono parte integrante dell’orto. L’idea di ordine che regna qui, in questo magnifico pezzo di Cilento,è completamente diversa da quella che abbiamo descritto per il Pflegerhof. Lì erano le categorie mentali dell’uomo che organizzavano, qui la natura accompagna Giovanni a trascorrere bene il suo tempo.

L’organizzazione alfabetica della biodiversità  da un lato ci rassicura, sapendo che cosa vediamo non abbiamo paura dell’ignoto, dall’altro ci permette di farlo autonomamente, senza doverci confrontare con i locali.  Se là possiamo usare la cultura scritta qui abbiamo bisogno della trasmissione orale. Anche se riusciste a riconoscere le erbe del prato dalle loro foto, utilizzando le fonti che avevo fornito…

View original post 558 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...